26-10-2016

DURA SOLO UN TEMPO IL SOGNO DEI GRIZZLIES: VITTORIA E PRIMATO AI MARINES

Una partita dai due volti, quella giocata domenica sul sintetico di Via del Baiardo, dagli orsetti di coach Giannelli: belli e cinici nei primi due quarti, inguardabili nei secondi due.

La partita iniziava con il possesso per i Lazio Marines che conquistavano 2 primi down consecutivi con una ricezione di Marenda da Biancolella e grazie ad un fallo della difesa di casa che portava i laziali sulle 33 avversarie; due incompleti ed un sack di Luzon Ona arretravano poi di 12 yards il raggio di azione degli ospiti che sul quarto tentativo arretravano ulteriormente a causa di uno snap sbagliato da parte del centro che consegnava il pallino nelle mani dell’offense di casa sulle 21 della metà campo dei Marines. L’offense bluarancio, con Amodio in cabina di regia, faticava però ad avanzare arrivando a rischiare un 4&10 che lo stesso QB chiudeva con una corsa personale; dopo un paio di azioni era ancora il giovane QB capitolino a rendersi protagonista con un perfetto lancio che trovava libero Carbone in end zone per il 6-0 con cui si aprivano le marcature.

Nel successivo drive era la difesa di coach Orsi a rendersi protagonista costringendo i laziali al punt, ed era poi l’orso Zerunian a ricevere la palla calciata dallo stesso QB ospite ritornandola per 37 yards sino alle 20 avversarie. L’offense dei Grizzlies capitalizzava ancora la favorevole occasione con il FG di Vitale che portava lo score sul 9-0. Nel successivo drive si sbloccava l’offense dei laziali grazie ad un paio di buone combinazioni sull’asse Biancolella-Monello con quest’ultimo che infine metteva a segno un TD pass da 44 yards accorciando le distanze sul 9-6. Dopo un paio di drive infruttuosi per entrambe le squadre si assisteva al sorpasso dei laziali grazie ad una bella ricezione di Marenda per la meta del 9-12. A pochi secondi dalla fine del quarto i Gizzlies mettevano di nuovo la testa avanti, ancora con un TD pass sull’asse Amodio-Carbone che portava le squadre al riposo sul parziale di 15-12.

In vantaggio, anche se di soli 3 punti, e con il primo possesso a proprio favore tutto sembra volgere per il meglio per i padroni di casa, ma un inizio di terzo quarto disastroso permetteva ai Marines di mettere a segno 10 punti consecutivi con la propria difesa dapprima con un fumble recuperato dal linebacker Abera e portato in end zone, sulla cui azione è costretto ad uscire il QB Amodio per infortunio, quindi con 2 safety in rapida successione che portano lo score sul 22-15 per gli ospiti, nonostante un’ottima prova della difesa dei Grizzlies che riesce a contenere l’offense laziale fino allo scadere del quarto, quando i Marines vanno di nuovo a segno con una ricezione di Monello che porta lo score sul 28-15, un gap che i Grizzlies, con Di Carlo Natoli in cabina di regia, ancora convalescente per i postumi di una operazione chirurgica che non gli ha permesso di allenarsi nelle ultime 3 settimane, non si mostrano in grado di colmare ed anzi si allarga ulteriormente ad inizio ultimo quarto quando Elisio intercetta lo stesso QB bluarancio portando l’ovale oltre la goal line avversaria dopo una corsa di 52 yards, touchdown che vale il 34-15 con cui si chiuderà poi l’incontro.

“Partivamo sfavoriti sulla carta” commenta il presidente Cicinelli al termine della gara “invece abbiamo dimostrato di poter essere allo stesso livello degli avversari per metà partita; nel secondo tempo, con l’uscita di Amodio, abbiamo perso una delle nostre migliori armi ed abbiamo subito il gioco dei Marines. Mi dispiace per Di Carlo Natoli, un giocatore dal grande potenziale, messo a roster solo per precauzione e trovatosi in campo senza aver potuto provare con i compagni di squadra nelle ultime 3 settimane, sicuramente avrà la sua occasione per rifarsi”. “La delusione è tanta” commenta l’OC Vismara “soprattutto quando vedi i ragazzi mettercela tutta, purtroppo contro gli errori individuali (snap errati n.d.r.) non ci si può fare nulla, se non lavorarci in allenamento per ridurli al minimo”. “Ripartiamo dal risultato a fine secondo quarto” commenta infine coach Giannelli “affrontando la seconda metà di questa regular season consapevoli di avere a disposizione un team competitivo”.

Si è chiusa infatti domenica la prima metà della stagione regolare, con i Grizzlies secondi dietro ai cugini Marines ed i Navy Seals Bari in terza posizione grazie alla vittoria sugli 82ers Napoli in casa dei quali, domenica prossima 30 ottobre alle ore 14,00, i Grizzlies avranno l’occasione giusta dimostrare che la sconfitta nel derby è già stata archiviata.



 ricamiepersonalizzazioni.com